Young Talents Orchestra EY: musica e talento per un futuro migliore

Young Talents Orchestra EY

Musica e talento per un futuro migliore

  • Share

L’espressione ideale dell’impegno di EY in Italia all’interno della comunità si concretizza al meglio attraverso la Young Talents Orchestra EY, orchestra sinfonica giovanile, nata nel 2013 e composta da 48 talentuosi ragazzi di età compresa tra i 17 e i 26 anni.

Formazione, sviluppo e valorizzazione del talento sono le caratteristiche che meglio descrivono questo progetto, dove l’abilità musicale dei ragazzi si trasforma in un supporto volto ad aiutare i giovani che non hanno modo di esprimere il proprio potenziale.

I giovani musicisti, scelti per le loro capacità artistiche, hanno la possibilità di seguire gratuitamente, come prime parti delle migliori orchestre italiane, corsi di alto perfezionamento musicale di respiro internazionale in un percorso che alla specializzazione professionale unisce anche la crescita personale, curati musicisti professionisti e insegnanti dotati di curriculum di alto livello artistico e di consolidata fama internazionale.

La giovane orchestra, guidata dal Maestro Carlo Rizzari, che collabora con la direzione artistica dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, sostiene la Fondazione EY Italia Onlus nell’attuazione della propria mission rappresentando il miglior veicolo per azioni concrete di sostegno e solidarietà..

  • I concerti del 2015

  • I concerti del 2014

     

    • 11 luglio Villa Pamphilj nell’ambito del festival estivo I Concerti nel Parco a Roma. La YTOEY si è esibita insieme alla giovane violinista Francesca Dego. L’incasso è stato devoluto a favore dei progetti di Libera e Comunità Sant’Egidio. Guarda la photogallery della serata
    • 16 ottobre, Teatro Grande di Brescia, con Francesca Dego. L’incasso dei 100 posti riservati a EY andrà a favore del progetto di Associazione Amici di Cometa Onlus
    • 19 ottobre, Auditorium della Conciliazione a Roma. La YTOEY è stata accompagnata dal violino di Salvatore Accardo, uno dei più famosi interpreti del nostro secolo che vanta una lunga e consolidata carriera internazionale e sarà aperta dal giovane, ma già molto apprezzato a livello internazionale, Alessandro Traversa. L’incasso è stato devoluto a favore dei progetti di Calciosociale-Libera e Comunità Sant’Egidio. Guarda la photogallery della serata
       
    EY - Carlo Rizzari

    Carlo Rizzari, direttore artistico

    Assistente musicale di Antonio Pappano presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Carlo Rizzari ha diretto l'Orchestra Sinfonica di Montréal, l'Orchestra della Suisse Romande, l'Orchestra Sinfonica di Graz, l'Orchestra Regionale Toscana, l'Orchestra di Padova e del Veneto, l'Orchestra del Teatro San Carlo di Napoli, l'Orchestra della Fondazione Toscanini, l'Orchestra dei Pomeriggi musicali di Milano, l’Orchestra della Svizzera Italiana.

    Dirige regolarmente l'Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia sia nella stagione sinfonica che nei Family Concerts lavorando con grandi solisti quali John Osborn, Barry Banks, Celso Albelo, Sonia Ganassi, Lang Lang e nelle iniziative della didattica (dando un prezioso contributo ai corsi di specializzazione dell’Accademia di Santa Cecilia indirizzati ai cantanti lirici - Opera Studio - e ai giovani musicisti - l’Ensemble Novecento).

    Su invito di Kent Nagano, ha iniziato una significativa collaborazione con l’Orchestre Symphonique de Montréal che ha diretto all’interno della programmazione del Festival di Knowlton e, nel nuovissimo Performing Art Center, con un programma dedicato al belcanto e a Respighi (Fontane di Roma, Pini di Roma).

    Ha inaugurato le edizioni del Reate Festival a Rieti del 2009, del 2010 e del 2011, dirigendo presso il Teatro Flavio Vespasiano di Rieti, Il Campanello di Donizetti, il Gianni Schicchi di Puccini, l’Heure Espagnole di Ravel, l’Adina di Rossini.

    Come esperto di belcanto ha diretto il Don Pasquale al Teatro Sao Carlo di Lisbona.

    È stato invitato da Claudio Abbado come assistente alla direzione per una serie di concerti dell’Orchestra Mozart a Bologna e Lucerna ed è stato protagonista della stagione estiva 2012 dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia con il concerto n.1 e n.5 per pianoforte e orchestra (al pianoforte Lang Lang) e le sinfonie dispari di L. van Beethoven con grande entusiasmo di pubblico e critica.

    Per il Teatro Petruzzelli di Bari ha diretto la Quinta e la Settima Sinfonia di L. van Beethoven.

    Per la stagione 2012-2013 ha diretto con grande successo una nuova produzione del Rigoletto al Petruzzelli di Bari e al Carlo Felice di Genova.

    www.carlorizzari.it

    ×
    EY - Francesco Moretti

    Francesco Moretti, Coordinatore artistico e produzione

    Pianista e musicologo, collabora fin dall’inizio della sua esperienza professionale con prestigiose istituzioni quali l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Istituzione Universitaria dei Concerti dell’Università La Sapienza, la Società Aquilana dei Concerti B. Barattelli de L’Aquila, la Fondazione Flavio Vespasiano, l’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi, la Società Italiana di Musicologia, la Fondazione Italiana per la Musica Antica, York Early Music Festival, l’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi, la Società Italiana di Musicologia.

    È segretario artistico per le edizioni 2009 e 2010 della Sezione Belcanto del Reate Festival a Rieti (sotto la direzione artistica di Bruno Cagli), festival internazionale di musica classica, jazz, teatro e danza. In tale ambito collabora con artisti di fama internazionale quali Kent Nagano, Carmela Remigio, Mariusz Kwiecien, Alex Esposito, Anja Harteros, Monica Bacelli, Rosa Feola, Paolo Bordogna, Jessica Pratt, Michele Campanella, Benedetto Lupo, Riccardo Minasi, Carlo Rizzari.

    È ospite e coordinatore di eventi di alto profilo culturale quali il convegno interdisciplinare Percorsi della Memoria (marzo 2007) presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Roma Tor Vergata, il convegno internazionale sul belcanto L’italiano, una lingua per il canto (Rieti, 21-22 maggio 2010, a cui partecipano studiosi della levatura di Giovanni Carli Ballola, Marco Bizzarini, Bruno Cagli, Jeremy Commons, Paolo Fabbri, Renato Meucci, Florénce Getrau, Teresa M. Gialdroni), e cura l’allestimento dell’esposizione di strumenti musicali d’epoca perfettamente funzionanti Alla ricerca dei suoni perduti (Teatro Flavio Vespasiano, Rieti) provenienti dalla preziosa Collezione Fernanda Giulini.

    Ha ricoperto il ruolo di segretario artistico dell’Orchestra Italiana del Cinema (unica compagine orchestrale specializzata nella musica per film) per la quale ha curato produzioni originali e di grande successo come la prima italiana della sonorizzazione dal vivo, presso il Ravello Festival 2012, del pluripremiato film The Artist (cinque Premi Oscar, tre Golden Globe, sette British Academy Film Awards e sei Cèsar) e la proiezione con musica dal vivo di The Gold Rush di Charlie Chaplin con il massimo esperto di musica per film muto, il direttore d’orchestra e compositore Timothy Brock.

    ×