Comunicato stampa

  • Share

 

 

Tre quarti delle aziende globali ha in programma di aumentare gli investimenti in energie pulite

Gli investimenti aziendali in energie pulite stanno gradualmente passando da un’efficiente gestione dell’energia all’opportunità di generare profitti

 

Milano, 14 aprile 2011 - Secondo la nuova indagine annuale condotta EY e dedicata alla convergenza verso le energie pulite, i tre quarti di grandi multinazionali ha in programma di aumentare, anche in maniera consistente, il budget destinato alle energie pulite fra il 2012 e il 2014. L’indagine ha coinvolto 300 aziende appartenenti ai settori più diversi, con fatturato superiore al miliardo di dollari. Quest’anno il 44% degli intervistati ha preannunciato che investirà più di 50 milioni di dollari in energie pulite mentre il 12% prevede che gli stessi investimenti supereranno i 250 milioni di dollari.

 

Dall’indagine emerge chiaramente come gli investimenti in energie pulite da parte delle aziende, in passato mirati al taglio dei costi e al miglioramento dell’efficienza nelle operazioni, sembrino ora sempre più finalizzati al raggiungimento di una crescita nei profitti. Gli intervistati sottolineano che alla funzione ricerca e sviluppo (R&D) per i prodotti e i servizi cleantech-enabled verrà destinato il 40% degli investimenti aziendali in energie pulite mentre circa il 20% degli intervistati indica l’opportunità di generare un profitto come la ragione principale che determina un aumento degli investimenti. Inoltre il 77% si aspetta che l’attenzione delle funzioni R&D sul tema delle energie pulite crescerà ulteriormente per i prossimi tre anni.

 

Gil Forer, Global Cleantech Leader di EY, ha dichiarato: “Durante la crisi finanziaria le aziende si sono rivolte alle tecnologie per risparmiare e per migliorare il livello di efficienza, ma ora che le procedure di efficienza energetica sono diventate un’imprescindibile fattore di competitività, l’attenzione rivolta alle energie pulite da parte delle aziende sta cominciando a convergere verso obiettivi di profitto – una crescita top-line attraverso nuovi prodotti e nuovi mercati”.

  

Le aziende puntano alle acquisizioni

La strada delle acquisizioni rappresenta ancora una strategia comune a molte aziende. Circa tre quarti degli intervistati ha acquisito un’azienda specializzata in energie pulite o ha in programma di considerarne l’acquisizione a breve. Storicamente, le aziende hanno acquisito le aziende cleantech con un’ottica di breve periodo, per registrare un ritorno degli investimenti dimostrabile. Tuttavia il 40% degli intervistati crede che questa filosofia cambierà nei prossimi anni dal momento che le cutting-edge technology costituiscono un motivo sempre più valido acquisire una start-up cleantech.

 

Il 48% di senior executive con un controllo sulle operazioni, ha dichiarato di preferire, per i prossimi 5 anni, acquisizioni di aziende operanti nel settore delle nuove tecnologie. Oltre alle attività M&A, le partnership restano utili per incoraggiare l’innovazione in-house e aumentare i profitti attraverso nuovi clienti e mercati.

 

Dal momento che gli executive di aziende multinazionali sembrano sempre più concentrati sul cleantech come fattore in grado di favorire la crescita dei profitti, questi stanno cogliendo le opportunità di cambiamento in diversi modi. Alcuni di questi sono: · Incorporare le tecnologie pulite in prodotti già esistenti per migliorare gli impatti di questi ultimi sull’ambiente · entrare nei segmenti cleantech più affini alle unità di business già esistenti · creare prodotti e servizi completamente nuovi e basati sulle tecnologie pulite e infine porre le basi per la nascita di un nuovo settore.

 

Forer ha concluso: “Il mondo cleantech offre opportunità di cambiamento entusiasmanti. Le aziende riconoscono sempre di più nel cleantech una potenziale risorsa per indirizzare investimenti di lungo periodo per trarne vantaggio competitivo. Sopravvivere non è più l’unica sfida per le aziende. Il focus oggi è su come crescere in un’economia sempre più orientata ad una competitività basata sull’efficienza delle risorse e a contenute emissioni di carbonio.”

 

Il report EY annual Global corporate cleantech adoption survey

I dati riportati all’interno di questo comunicato sono stati tratti dall’indagine annuale di EY condotta a livello globale dedicata alla convergenza verso le tecnologie pulite. Dati sul campione intervistato:

· Area geografica di provenienza degli intervistati: America (46%), Europa – Medio oriente – Africa (29%), Asia Pacific (25%)

· Ruolo aziendale degli intervistati: CEO/President (20%), executive C-level (32%), EVP/VP (14%), responsabile di funzione (13%), responsabile di business unit (8%), membro del board (3%), altre funzioni (10%).

 

EY's Global Cleantech Center

From start-ups to large corporations and national governments, organizations worldwide are embracing cleantech as a means of growth, efficiency, sustainability and competitive advantage. As cleantech enables a variety of industries, old and new, to transform and participate in a more resource-efficient and low-carbon economy, we see innovation in technology, business models, financing mechanisms, cross-industry partnerships and corporate adoption. EY’s Global Cleantech Center offers you a worldwide team of professionals in assurance, tax, transaction and advisory services who understand the business dynamics of cleantech. We have the experience to help you make the most of opportunities in this marketplace, and address any challenges. Whichever sector or market you’re in, we can provide the insights you need to realize the benefits of cleantech.

 

EY 

EY è leader mondiale nei servizi professionali di revisione e organizzazione contabile, fiscalità, transaction e advisory. In tutto il mondo le nostre 141.000 persone sono unite da valori condivisi e da un saldo impegno costantemente rivolto alla qualità. Facciamo la differenza aiutando le nostre persone, i nostri clienti e la nostra comunità di riferimento ad esprimere pienamente il proprio potenziale.

“EY” indica l’organizzazione globale di cui fanno parte le Member Firm di Ernst & Young Global Limited, ciascuna delle quali è un’entità legale autonoma. Ernst & Young Global Limited, una “Private Company Limited by Guarantee” di diritto inglese, non presta servizi ai clienti.

Per ulteriori informazioni: www.ey.com

Questo comunicato stampa è stato rilasciato da EYGM Limited, che appartiene al network di EY e che non fornisce servizi ai clienti.

 

 

 

Per ulteriori informazioni stampa:

Pleon

Daniela Sarti, Alice Fracassi, Eros Bianchi

tel: 02 0066290

email: team.ey@pleon.com
Web site: http://www.pleon.com