Comunicato stampa

  • Share

Imprenditori non si nasce, si diventa

- Circa il 60% ha maturato un’esperienza in azienda e il 33% degli imprenditori considerare questa la chiave del proprio successo  

- Il 45% degli imprenditori ha avviato la prima azienda dopo aver compiuto trent’anni

-  Il 10% degli imprenditori ha avviato dieci o più aziende

 

Monte Carlo e Londra, 2 Giugno 2011 - Il nuovo report di EY Nature or nurture: Decoding the entrepreneur, basato su interviste a 685 imprenditori di tutto il mondo e indagini approfondite con i vincitori del premio Entrepreneur Of the Year, fornisce una visione sulle caratteristiche comuni, le frustrazioni e gli obiettivi di carriera dei principali imprenditori del mondo.

 

La ricerca scredita lo stereotipo secondo cui tutti gli imprenditori avviano le proprie aziende senza concludere il percorso formativo e senza alcuna esperienza pregressa in altre aziende. Nonostante molti imprenditori intervistati abbiano dichiarato di avere iniziato a lavorare in giovane età, il 45% di loro sembra aver cominciato ad “intraprendere” non prima dei 30 anni. Quasi il 60% si è definito imprenditore “di transizione” ossia ha lavorato in un contesto aziendale prima di avviare un’attività per conto proprio.

 

Ma da chi si impara il mestiere di imprenditori? Per un terzo degli intervistati lavorando come dipendente di un’azienda. La scuola superiore invece ha contribuito a far maturare la decisione di diventare imprenditori per il 30% degli intervistati mentre il 26% sottolinea l’importanza di avere un mentore.

 

Paolo Zocchi, EY Strategic Growth Markets leader per la sub-area mediterranean, ha dichiarato “La leadership imprenditoriale è influenzata notevolmente dalle prime esperienze, dal background culturale e dal contesto esterno così come da doti personali innate, sebbene la ricerca evidenzi quanto il percorso di crescita risulti più essenziale rispetto alle doti innate nella costruzione della mentalità imprenditoriale. Quasi a voler rimarcare che imprenditori non si nasce ma si diventa”.

 

Per gli imprenditori avviare una sola impresa non basta

Il 60% degli imprenditori ha avviato tre o più attività, il 20% sei o più e il 10% ha dichiarato di aver avviato dall’inizio della propria carriera fino ad oggi più di dieci aziende. Fondare tante aziende non significa comunque abbandonare le aree di interesse precedenti. Fra gli intervistati il 45% ha dichiarato di aver mantenuto alcune proprietà nelle aziende passate e il 28% di aver ancora partecipazioni in alcune di esse.

 

I finanziamenti, le persone e il know how costituiscono le principali barriere per il successo degli imprenditori

Secondo sei intervistati su dieci, fra quanti hanno incontrato difficoltà durante la propria carriera, la principale barriera per la crescita è rappresentata dalla mancanza di fondi o finanziamenti (33%). Questo riflette lo scenario attuale, infatti molti imprenditori hanno dichiarato di continuare a riscontrare problemi di accesso al credito nonostante in molti paesi le condizioni finanziarie siano ormai più elastiche. La seconda barriera più citata invece è relativa alla selezione di personale con competenze adeguate.

 

Gli imprenditori condividono alcune caratteristiche

Sebbene dalla nostra ricerca emerga che imprenditori si diventa e non si nasce, è anche vero che gli imprenditori solitamente sono accomunati da una serie di comportamenti, attitudini e valori molto spesso diversi da quelli dei colleghi che ricoprono ruoli di comando in aziende molto più strutturate. Quando è stato chiesto di individuare le prime tre qualità di un imprenditore leader, più dei tre quarti degli intervistati ha risposto “vision”, il 73% “passione” e il 64% “iniziativa”. I punteggi per “flessibilità” (33%), “continua ricerca della qualità” (18%) e “fedeltà” sono stati, invece, più bassi.

 

Zocchi ha concluso: “Questi risultati sottolineano che gli imprenditori di maggior successo condividono la capacità di riuscire a cogliere opportunità laddove gli altri percepiscono solo i rischi. Inoltre sono ottimisti e credono nel successo proprio nel momento in cui tutti dicono il contrario”.

 

Segui il World Entrepreneur Of The Year su www.twitter.com/ey_eoy.

 

About EY’s Strategic Growth Markets Network:

EY’s worldwide Strategic Growth Markets Network is dedicated to serving the changing needs of rapid-growth companies. For more than 30 years, we’ve helped many of the world’s most dynamic and ambitious companies grow into market leaders. Whether working with international mid-cap companies or early stage venture-backed businesses, our professionals draw upon their extensive experience, insight and global resources to help your business achieve its potential. It’s how EY makes a difference.

EY 

EY è leader mondiale nei servizi professionali di revisione e organizzazione contabile, fiscalità, transaction e advisory. Il network fornisce anche consulenza legale, nei paesi ove è consentito. In tutto il mondo le nostre 141.000 persone sono unite da valori condivisi e da un saldo impegno costantemente rivolto alla qualità. Facciamo la differenza aiutando le nostre persone, i nostri clienti e la nostra comunità di riferimento ad esprimere pienamente il proprio potenziale.

“EY” indica l’organizzazione globale di cui fanno parte le Member Firm di Ernst & Young Global Limited, ciascuna delle quali è un’entità legale autonoma. Ernst & Young Global Limited, una “Private Company Limited by Guarantee” di diritto inglese, non presta servizi ai clienti. Per maggiori informazioni visiti il nostro sito www.ey.com.

Questo comunicato stampa è stato rilasciato da EYGM Limited, che appartiene al network di EY e che non fornisce servizi ai clienti. 

Per ulteriori informazioni stampa: 

Brunswick

Giovanni Moccagatta, Natasha Aleksandrov

tel: 0039 02 9288 6200

email: eyitalia@brunswickgroup.com