Comunicato stampa

  • Share

Il momento della verità per il settore dei veicoli elettrici

Gli stakeholder devono collaborare, innovare e comunicare se il veicolo elettrico deve davvero diventare un mezzo di trasporto alternativo e credibile

Milano, 22 febbraio 2012 - A seguito dell’ampio dibattito sul futuro dei veicoli elettrici, in occasione di tre sessioni di confronto tra stakeholder tenutesi a Bonn, Detroit e Pechino, EY ha realizzato un report approfondito che pone l’accento su sfide e opportunità a livello globale per il mercato dei veicoli elettrici (EV).

Lo studio "The Global Ignition Sessions" raccoglie i punti di vista di questi gruppi di stakeholder di territori diversi per riflettere sulle criticità e sui problemi reali che interessano le flotte, i consumatori e le infrastrutture e identificare modalità che accelerino il processo di adozione dei veicoli elettrici a livello globale per i prossimi anni.

Facendo riferimento allo stato attuale del comparto dei veicoli elettrici Andrea Paliani, Partner EY e Leader settore Energy ha dichiarato: "Le auto elettriche ormai sono una realtà presente sulle nostre, con numeri di produzione per modelli hybrid, plug-in hybrid e full electric che si stima cresceranno fortemente per i prossimi quattro anni. Le aziende stanno lavorando in maniera straordinaria stringendo anche collaborazioni volte a cogliere le opportunità legate ai veicoli elettrici e a superare le sfide legate al sistema distributivo di rifornimento. Ma le prove generali sono finite. Duro lavoro e collaborazione intersettoriale sono fondamentali per costruire un settore EV solido e per assicurare un’esperienza positiva su tutti i fronti per il consumatore (total customer experience)".

Paolo Lobetti Bodoni, Partner EY responsabile del settore Automotive ha dichiarato: "E’ ormai evidente che i veicoli elettrici fanno parte del portafoglio di prodotti automotive e riscriveranno completamente i Business Model delle case e dell’intera filiera. Saranno fondamentali per risolvere le complessità della mobilità in futuro ma rappresentano anche un’occasione di sviluppo per i diversi attori coinvolti. In Italia EY opera a fianco delle case automobilistiche, dei fornitori e dei concessionari per prepararsi a questa rivoluzione e coglierne immediatamente i potenziali benefici".

Principali raccomandazioni approfondite nello studio:

1. Fornire maggior volume e varietà di veicoli

Il mercato dei veicoli elettrici richiede una maggior ampiezza e profondità di offerta per poter raggiungere nuovi clienti oltre agli “early adopter” e servire differenti segmenti di mercato. Dal lato dei consumatori, questo garantirà la possibilità di trovare un modello EV nella classe di veicoli desiderata e per le concessionarie questo significherà essere in grado di vendere il veicolo giusto con volumi (di vendita) che abbiano un senso economicamente.

  

2. Creare infrastrutture e protocolli standard per promuovere lo sviluppo del modello di business

Il governo e il settore devono lavorare a stretto contatto per sviluppare e adottare standard comuni, come fatto con l’accordo delle case automobilistiche dell’UE in materia di standardizzazione delle spine di corrente e delle specifiche dei software. La mancanza di piattaforme standard sta frenando la diffusione di soluzioni su vasta scala.

 

3. Creare l’easy button

Un complesso mosaico di incentivi regionali e requisiti di compatibilità ha scoraggiato i potenziali acquirenti. Le imprese che possono offrire una modalità semplice per finanziare i veicoli elettrici e fare ordini di caricabatterie, autorizzati e installati, aiuteranno quanti attualmente sono in una fase attesa di soluzioni che facilitino l’acquisto di EV. Il raggiungimento di questo obiettivo probabilmente richiederà la realizzazione di partnership creative su tutta la catena del valore.

 

4. Garantire la total customer experience

Per favorire l’adozione dei veicoli elettrici deve essere garantito al cliente un sistema coerente di finanziamento, vendita, rifornimento e servizi.

 

5. Creare una “iCar”

L’elettrificazione del trasporto è un ulteriore passo in avanti affinché l’automobile diventi un prodotto di tipo consumer ma è necessario anche far sposare la tecnologia dei veicoli elettrici con un convincente design industriale e un’interfaccia rivoluzionaria per creare un veicolo davvero interessante per i consumatori.

 

6. Risolvere l’enigma del valore residuo della batteria

Per superare questo problema è necessario uno sforzo a livello di settore che coinvolga produttori, ricercatori, servizi e imprenditori. Questo potrebbe comportare la creazione di design standard per consentire che batterie differenti e costruite appositamente possano essere messe insieme per nuovi usi o che i materiali vengano riciclati.

 

7. Educare gli utenti

Fino a quando la maggior parte dei consumatori si limiterà a credere che i veicoli elettrici siano la tecnologia del futuro, tutto rimarrà com’è. E’ necessario sviluppare strategie di comunicazione per aumentare la consapevolezza dei consumatori e superare le convinzioni errate circa la tecnologia dei veicoli elettrici.

 

8. Incentivare efficacemente l’adozione dei veicoli elettrici

I gestori delle flotte aziendali sono i primi utilizzatori ideali di veicoli elettrici, date la prevedibilità degli spostamenti e il costo complessivamente vantaggioso del possesso di veicoli elettrici che aiutano a superare la barriera dei maggiori investimenti iniziali necessari per l’acquisto dei veicoli elettrici. Piuttosto che offrire benefici fiscali alle aziende, gli incentivi dei governi dovrebbero ridurre il prezzo dei veicoli elettrici al momento della vendita in modo che i concessionari possano fare dei veicoli elettrici un business case.

 

9. Pensare in modo diverso

Con l’avvento dei veicoli elettrici, è tempo di assumere una nuova prospettiva sull’automobile sia con riferimento al concetto di mobilità - pensando a nuovi modelli di business – sia con riferimento a nuovi attori nell’ecosistema dei veicoli elettrici.

 

10. Coinvolgere l’intero ecosistema

In questo stadio critico per il settore dei veicoli elettrici, produttori, system integrator, produttori di batterie, servizi e infrastrutture devono lavorare insieme per colmare le lacune della catena del valore e realizzare partnership creative per creare un ecosistema di veicoli elettrici sostenibile.

 

11. Collaborazione globale

Condividere le esperienze che stanno avvenendo in tutto il mondo creerà vantaggi all’intero settore e faciliterà il concretizzarsi di partnership basate su un reale vantaggio competitivo.

 

 

How EY's Global Cleantech Center can help your business
From start-ups to large corporations and national governments, organizations worldwide are embracing cleantech as a means of growth, efficiency, sustainability and competitive advantage. As cleantech enables a variety of industries, old and new, to transform and participate in a more resource-efficient and low-carbon economy, we see innovation in technology, business models, financing mechanisms, cross-industry partnerships and corporate adoption.

EY's Global Cleantech Center offers you a worldwide team of professionals in assurance, tax, transaction and advisory services who understand the business dynamics of cleantech. We have the experience to help you make the most of opportunities in this marketplace, and address any challenges. Whichever sector or market you’re in, we can provide the insights you need to realize the benefits of cleantech.

EY 
EY è leader mondiale nei servizi professionali di revisione e organizzazione contabile, fiscalità, transaction e advisory. In tutto il mondo le nostre 152.000 persone sono unite da valori condivisi e da un saldo impegno costantemente rivolto alla qualità. Facciamo la differenza aiutando le nostre persone, i nostri clienti e la nostra comunità di riferimento ad esprimere pienamente il proprio potenziale.

Per ulteriori informazioni: www.ey.com

"EY" indica l’organizzazione globale di cui fanno parte le Member Firm di Ernst & Young Global Limited, ciascuna delle quali è un’entità legale autonoma. Ernst & Young Global Limited, una "Private Company Limited by Guarantee" di diritto inglese, non presta servizi ai clienti.

 

 

 

Per ulteriori informazioni stampa:

 

 

Brunswick

Lidia Fornasiero / Natasha Aleksandrov

Tel: +39 02 9288 6200

email: eyitalia@brunswickgroup.com