Comunicato stampa

  • Share

Cresce il mercato globale delle IPO nonostante la prudenza da parte degli investitori

  • 588 IPO nei primi sei mesi dell’anno con una crescita del 60% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Valore complessivo di oltre 117 miliardi di dollari, in crescita del 67% rispetto allo scorso anno, il valore più alto del periodo dal 2007
  • Gli Stati Uniti guidano il ranking globale sia per quanto riguarda il numero di IPO, che il valore, seguiti da Cina e UK
  • I settori che hanno registrato il maggior numero di IPO sono Health care (17.5%), Technology (13.3%) e Industrials (11,2%)
  • In Europa sono state realizzate 162 IPO, con una crescita del 131% rispetto all’anno precedente ed un valore complessivo di 44.5 miliardi di dollari, in crescita del 351% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno
  • In Italia sono state realizzate 11 IPO per un valore di 2.5 miliardi di dollari

Milano, 24 luglio 2014 - Nel primo semestre del 2014 il mercato globale IPO ha continuato con forza il suo recupero, secondo lo studio EY Global IPO Trends: 2014. Si sono infatti registrate 588 IPO nei primi sei mesi dell’anno con una crescita del 60% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e un valore complessivo di oltre 117 miliardi di dollari, in crescita del 67% rispetto allo scorso anno, il valore più alto del periodo dal 2007. Nel secondo trimestre dell’anno si sono registrate 333 IPO raggiungendo i 70.7 miliardi di dollari, con un incremento del 30,6% rispetto al trimestre precedente e un aumento del 62,4% rispetto al numero di operazioni effettuate nel corrispondente trimestre del 2013.

Si è verificato un calo nei first-day returns rispetto al trimestre precedente. Negli Stati Uniti la media di capitale è scesa da 12,3% a 9,8%, nel Regno Unito è scesa dall’8,1% al 3,0%, Hong Kong è caduta dal 2,1% al -0,6%. Tuttavia, gli stock di IPO nel secondo trimestre 2014 stanno mantenendo migliori performance rispetto ai più ampi mercati equity in diversi paesi.

Le operazioni di IPO hanno interessato diversi settori, l’Healthcare è stato il più attivo nella prima metà dell'anno con 103 IPO, più del doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nel settore Tech le IPO sono raddoppiate (78 IPO), mentre l' Energy ha raccolto la maggior parte del capitale attraverso le IPO nei primi sei mesi del 2014 (17,6 miliardi di dollari).

Maria Pinelli, Global Vice Chair of Strategic Growth Markets di EY, commenta: "Il mercato IPO è molto forte in diverse regioni e settori e tutti gli indicatori dimostrano come questa tendenza al rialzo sia sostenibile. Il pricing inizia ad essere sotto pressione in diversi mercati suggerendo che gli investitori stiano mostrando prudenza e non siano disposti ad investire in operazioni sopravvalutate. Ciò significa che oggi più che mai le società che arrivano sul mercato al momento giusto e con un’adeguata storia di crescita, attirano l'interesse degli investitori solo se il loro prezzo sarà ritenuto adeguato".

L’ Europa mostra forza e ampiezza

L'Europa ha raccolto 162 IPO raggiungendo i 44,5 miliardi di dollari – con un incremento del 131% nel numero di deal e del 351% nel capitale raccolto rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, il migliore risultato ottenuto dal 2007. Londra ha avuto la migliore performance del continente con un totale di 71 IPO pari a 18,5 miliardi di dollari, l’equivalente del 12% del volume globale delle transazioni finora raggiunte nel 2014. Altri mercati ugualmente forti, come Euronext (Parigi, Amsterdam, Bruxelles e Lisbona) hanno raccolto 19 offerte per un valore pari a 8,6 miliardi di dollari, mentre Borsa Italiana (Milano), NASDAQ OMX (Copenaghen e Stoccolma) e Bolsa di Madrid - nessuna delle quali si posiziona in genere tra le prime 10 borse mondiali – hanno raccolto rispettivamente 11 IPO (2,5 miliardi di dollari), 10 IPO (4,3 miliardi di dollari) e 5 IPO (5,6 miliardi di dollari).

Paolo Zocchi, Strategic Growth Market leader di EY Med: “Il mercato delle quotazioni in Europa ha mantenuto anche in questo trimestre un andamento decisamente positivo. I principali mercati azionari ancora in trend verso l'alto, la bassa volatilità, un ambiente economico positivo e la politica monetaria di sostegno attuata dalla Banca Centrale hanno contribuito ad aumentare l'interesse degli investitori. Regno Unito e Francia si confermano con elevati livelli di attività, ma stiamo assistendo anche ad una crescita delle altre borse europee: lo dimostrano i risultati ottenuti in Italia e nei Paesi Scandinavi che si posizionano tra le prime dieci”.

Record per le Borse statunitensi dopo 10 anni

Le borse statunitensi hanno registrato per il terzo trimestre consecutivo più di 70 IPO, un risultato eccellente per il primo semestre. NYSE e NASDAQ insieme hanno raggiunto nel complesso 162 IPO raggiungendo i 35 miliardi di dollari di capitale nella prima metà del 2014, includendo anche sette operazioni di IPO che hanno superato il miliardo di dollari.

"Visto che i mercati azionari continuano a salire a livelli record e la volatilità ha raggiunto il suo livello più basso dall'inizio della crisi finanziaria, un numero senza precedenti di aziende stanno cercando di quotarsi negli Stati Uniti", spiega Pinelli. "Tuttavia, anche se la media dei first-day returns per le IPO nel secondo trimestre conferma la propria stabilità al 9,8%, è un dato inferiore rispetto al 12,3% registrato nel primo trimestre. Le valutazioni erano anche meno favorevoli, con il 56% delle IPO nel Q214 con un prezzo compreso o superiore al valore di collocamento iniziale, in calo dal 70% nel Q1 2014. Ciò riflette una maggiore cautela degli investitori sul fatto che l'attuale tendenza del mercato azionario al rialzo sarà sostenuto."

Asia-Pacific leads by deal volume

Le Borse dell’area Asia-Pacifico sono quelle che hanno registrato più IPO rispetto alle altre regioni nel primo semestre del 2014 con 217 deals (+64%) e un valore di 33.7 miliardi di dollari (+45%). Quattro delle più importanti IPO nel primo semestre del 2014 sono state realizzate sulle piazze asiatiche – tre IPO alla Borsa di Hong Kong ed una a quella di Tokyo. L’attività è stata comunque rallentata nel corso del secondo trimestre del 2014 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

"Dopo un inizio dinamico con la riapertura delle borse Cinesi a nuove quotazioni, l'attività è stata rallentata a causa di approvazioni in stand-by in gran parte del secondo trimestre - spiega Maria Pinelli. Con altre 100 aziende cinesi che si dovrebbero quotare e la fiducia degli investitori in più mercati, tra cui Hong Kong, Giappone e Australia, le previsioni per le attività di IPO nella seconda metà del anno, seppur vincolate, sono favorevoli".

Ottime prospettive per la seconda metà del 2014

Maria Pinelli conclude: "Nella seconda metà del 2014 ci aspettiamo che il mercato globale delle IPO sia caratterizzato da un periodo di stabilità. Mentre la ripresa economica prosegue in molti mercati, gli indici azionari rimangono vivaci e la volatilità è in calo, tutto fa pensare ad un periodo stabile e prolungato delle attività di IPO”. La fiducia degli investitori è stata rafforzata dalle performance relativamente forti delle aziende che si sono recentemente quotate rispetto ai rendimenti dei mercati azionari più in generale. Con una solida rete di aziende pronte a quotarsi in molteplici mercati geografici e settori, non vi è alcuna carenza di offerta. Questo aumenterà la pressione sui prezzi in quanto gli investitori saranno attenti ad andare incontro a valutazioni eccessivamente ottimistiche. Ci aspettiamo un aumento significativo delle IPO nel secondo semestre del 2014 dai settori financial, real estate, technology and consumer products & services sectors che potranno beneficiare di un aumento della fiducia dei consumatori”.

About the data

Analysis included on this press release includes all deals listed up to early June and EY’s expectation of deals that will close in the rest of the month. Data sourced from Dealogic as of 17 June 2014. January 2014 through June 2014 IPO activity is based on priced IPOs as of 17 June and expected IPOs by the end of June.

About EY’s IPO offering

EY is a leader in helping to take companies public worldwide. With decades of experience our global network is dedicated to serving market leaders and helping businesses evaluate the pros and cons of an IPO. We demystify the process by offering IPO readiness assessments, IPO preparation, project management and execution services, all of which help prepare you for life in the public spotlight. Our Global IPO Center of Excellence is a virtual hub which provides access to our IPO knowledge, tools, thought leadership and contacts from around the world in one easy-to-use source. www.ey.com/ipocenter

Appendix: January 2014 - June 2014 global IPOs by sector

 

Sector

Number of deals

% of global deal number

Proceeds

(US$ M)

% of global capital raised

Health care

103

17.5%

$9,409.1

8.0%

Technology

78

13.3%

$14,723.1

12.5%

Industrials

66

11.2%

$9,292.4

7.9%

Consumer products and services

49

8.3%

$11,433.0

9.7%

Energy

47

8.0%

$17,563.9

14.9%

Financials

47

8.0%

$14,966.1

12.7%

Materials

47

8.0%

$5,701.1

4.8%

Real estate

46

7.8%

$11,144.3

9.5%

Retail

34

5.8%

$11,869.5

10.1%

Consumer staples

33

5.6%

$3,634.2

3.1%

Media and entertainment

30

5.1%

$7,589.6

6.4%

Telecommunications

8

1.4%

$394.5

0.3%

Grand Total

588

100.0%

$117,720.5

100.0%

EY

EY è leader mondiale nei servizi professionali di revisione e organizzazione contabile, fiscalità, transaction e advisory. La nostra vision e i servizi di qualità che offriamo sostengono la fiducia nei mercati dei capitali e nelle economie di tutto il mondo. Coltiviamo una leadership di successo che lavora compatta affinché le nostre promesse diventino realtà. Crediamo di avere un ruolo fondamentale nel costruire un mondo del lavoro migliore per le nostre persone, i nostri clienti, le nostre comunità.

EY indica l’organizzazione globale e può riferirsi a una o più “Member Firm” di Ernst & Young Global Limited, ciascuna delle quali è un’entità legale autonoma. Ernst & Young Global Limited, una “Private Company Limited by Guarantee” di diritto inglese, non presta servizi ai clienti. Per ulteriori informazioni: www.ey.com.

 

Per ulteriori informazioni si prega di contattare:

EY

Silvia Merlo

Tel: +39 02 80668367

email: silvia.merlo@it.ey.com

 

Community

Marco Gabrieli/Elisa Mondadori

Tel: +39 02 89404231

email: ey@communitygroup.it