Comunicato stampa

  • Share

Le IPO mostrano un miglioramento, ma le prospettive restano incerte

Nel secondo trimestre le IPO hanno raccolto 9,9 miliardi di dollari rispetto ai 1,4 miliardi del primo trimestre, risultato sostenuto dalla più grande IPO del Brasile.

Milano, 7 Luglio 2009 – Le attività relative alle offerte di collocazione iniziale sul mercato azionario (IPO) sono cresciute nel secondo trimestre, con un totale di 76 IPO rispetto alle 52 del primo trimestre, lo rileva il report trimestrale Global IPO Update realizzato da EY. Il valore delle operazioni è aumentato di sette volte da appena 1,4 miliardi di dollari a 9,9 miliardi di dollari. Risultati tuttavia, nettamente inferiori a quelli del 2008 che nel secondo trimestre avevano segnato una raccolta di 38,2 miliardi di dollari in capitale con 269 IPO. 

I dati di questo trimestre sono stati rafforzati dall’operazione VisaNet del Brasile (3,7 miliardi di dollari), finora la più grande IPO del mondo e la più grande in assoluto del Brasile, dalla compagnia di metalli Cinese Zhongwang Holdings Ltd (1,3 miliardi di dollari) e da Vodafone Qatar (0,95 miliardi di dollari). L’insieme di queste operazioni rappresenta il 60% del capitale mondiale raccolto. Riflettendo su queste IPO, Brasile e Cina genera i due terzi del capitale mondiale raccolto in questo trimestre.

Come nel primo trimestre, la Corea del Sud si conferma il paese più attivo con 17 IPO (8 IPO nel primo trimestre). Seguono Cina e Canada rispettivamente con 13 e 9 IPO. In Cina, i nove mesi di divieto di collocazione delle IPO, deciso dalla Borsa di Shenzhen, sono terminati in questo trimestre con l’offerta di Guilin Sanjin Pharmaceutical. Gli Stati Uniti hanno registrato un lieve aumento delle attività passando da 1 IPO nel primo trimestre a 8 nel secondo, 6 delle quali presenti nella top20 mondiale1. I mercati emergenti hanno registrato 53 delle 76 IPO totali.
I valori soglia richiesti per entrare nella classifica delle prime venti IPO sono drasticamente migliorati in questo trimestre passando da 12 milioni di dollari a 171,3 milioni di dollari, ma ancora radicalmente in discesa di anno in anno (848,6 milioni di dollari). 

Gil Forer, Global Director of IPO initiatives di EY, ha dichiarato: “Abbiamo assistito ad un aumento delle attività del secondo trimestre ma il capitale raccolto è una frazione di quello dell’anno precedente. I primi segnali parlano di un’economia sofferente a fondo, anche se il recupero è probabile, richiederà del tempo e varierà da regione a regione. Il mercato delle IPO generalmente segna con un lieve ritardo le dinamiche e le tendenze macroeconomiche. Storicamente i mercati hanno bisogno dai 4 ai 6 trimestri per recuperare i risultati negativi generati da una crisi economica”.

Forer aggiunge: “Le IPO più di successo tendono ad emergere proprio da questi periodi post recessione. Queste società, che hanno superato l’ultimo test di stress, sono spesso più snelle e testimoniano la resistenza del loro modello di business. Questo è un buon momento per le imprese dinamiche o a matrice imprenditoriale. E, nel secondo trimestre, le alte performance delle borse del mondo si sono tradotte in un nuovo interesse delle aziende di tutto il mondo verso la quotazione.
I principali settori per numero di accordi conclusi sono: Industria2, Materiali3, Finanza e Alta Tecnologia con rispettivamente 16, 14, 10 e 10. A causa del basso livello dei fondi raccolti, i primi tre settori per capitale investito rispecchiano le prime tre IPO. Finanza (3,8 miliardi di dollari), Materiali (1,8 miliardi di dollari), e Telecomunicazioni (1,2 miliardi di dollari) costituiscono il 70% del totale.

Al 30 giugno 2009, le prime tre borse per numero di IPO sono: KOSDAQ (24) della Korea del Sud, Hong Kong Stock Exchange (14) e New York Stock Exchange (7). In termini di capitale raccolto, le prime tre borse del secondo trimestre sono la BOVESPA in Brasile con una sola IPO (VisaNet a 3,7 miliardi di dollari), la Hong Kong Stock Exchange (2,5 miliardi di dollari) e la New York Stock Exchange (1,7 miliardi di dollari).


Follow-on offerings
Il compimento di follow-on offerings in aziende quotate avviate è talvolta visto come un indicatore di ripresa del mercato delle IPO. Tra il primo e il secondo trimestre si è verificato un aumento superiore al 100% del numero di operazioni (da 612 a 1.361) e del capitale raccolto (da 101,1 a 284,2 miliardi di dollari). Tuttavia, in termini di valore, ciò è stato trainato dalle istituzioni finanziarie alla ricerca di ricapitalizzare e riparare il bilancio.

Oltre alle follow-on offerings, lo studio Global IPO trends report 2009 di EY evidenzia come comunemente gli analisti di mercato indichino tra gli indicatori di un mercato delle IPO in ripresa: flusso positivo degli investimenti nel mercato azionario, interesse degli investitori, più brillanti prospettive degli utili societari, ripresa nel mercato delle valutazioni, evidente liquidità per stimolare le imprese e la spesa dei consumatori, successo delle transazioni in borsa.

Note:
1 DigitalGlobe Inc; SolarWinds Inc; Bridgepoint Education Inc; Rosetta Stone Inc, LogMeIn Inc and MediData Solutions Inc.
2 ‘Industria’ include automobile e componenti; costruzione e ingegneria; costruzione di materiali; macchinari e altri industriali; trasporti e infrastrutture.
3 'Materiali’ include chimica; costruzione di materiali; contenitori ed imballaggio; metalli, estrazione e altri materiali; carte e prodotti forestali.

EY
EY è leader mondiale nei servizi professionali di revisione e organizzazione contabile, fiscalità, transaction e advisory. Il network EY fornisce anche consulenza legale, nei paesi ove è consentito.
In tutto il mondo le nostre 135.000 persone sono unite da valori condivisi e da un saldo impegno costantemente rivolto alla qualità. Facciamo la differenza aiutando le nostre persone, i nostri clienti e la nostra comunità di riferimento ad esprimere pienamente il proprio potenziale.
Per ulteriori informazioni: www.ey.com.
“EY” indica l’organizzazione globale di cui fanno parte le Member Firm di Ernst & Young Global Limited, ciascuna delle quali è un’entità legale autonoma. Ernst & Young Global Limited, una “Private Company Limited by Guarantee” di diritto inglese, non presta servizi ai clienti.

Questo comunicato stampa è emesso da EYGM Limited, appartenente all’organizzazione globale EY che non fornisce alcun servizio ai clienti.


Per ulteriori informazioni stampa:
Pleon 
Pietro Barrile (tel. 06 30260341 - 335.8324752)
Alice Fracassi (tel. 02 006629295)
email: team.ey@pleon.com
Web site: http://www.pleon.com