The better the question. The better the answer. The better the world works. У вас есть вопрос? У нас есть ответ. Решая сложные задачи бизнеса, мы улучшаем мир. У вас є запитання? У нас є відповідь. Вирішуючи складні завдання бізнесу, ми змінюємо світ на краще. Meilleure la question, meilleure la réponse. Pour un monde meilleur. 問題越好。答案越好。商業世界越美好。 问题越好。答案越好。商业世界越美好。

Does the speed of change blur or sharpen your focus?

La velocità del cambiamento vi distrae o vi aiuta a focalizzarvi sull’obiettivo?

EY Growth Barometer 2018
Italy

EY Growth Barometer 2018
Italy

Home Home | English English | Italiano Italian

How the Italian middle market is rising above political and economic uncertainty to deliver solid growth

In spite of continuing political uncertainty at home, Italy’s middle-market business leaders are looking at healthy revenue growth. Underpinning strategies are M&A activity as market consolidation ramps up and the deployment of new technologies to improve productivity. Lack of working capital to fund these changes is a major challenge as is the lack of skilled talent: both challenges that are shared by many geographies around the world. Italy looks to embrace artificial intelligence (AI) joining a global headlong rush while displaying cautious hiring although uncertainties remain.

EY Growth Barometer survey methodology

EY commissioned Euromoney Institutional Investor Thought Leadership to undertake an online survey of 2,766 C-suite (60% CEOs, founders or managing directors) in companies from 21 countries and with annual revenues of US$1m-US$3b. The survey was conducted from 15 January-1 March 2018. EY further invited the network of EY Entrepreneur Of The Year alumni from across the globe to take the survey. The survey was available in English and six other languages. Further in-depth interviews were carried out during March-April 2018 to provide additional specific insights.

Contact

EY - Paolo Zocchi

Paolo Zocchi
Mediterranean Growth Markets Leader, EY

Come il middle market italiano sta superando l’incertezza politico-economica per raggiungere una crescita solida

Nonostante il perdurare dell'incertezza politica a livello nazionale, i leader delle PMI italiane prevedono una buona crescita dei ricavi, sostenuta dall’attività di M&A per accelerare il consolidamento del mercato e dall'utilizzo di nuove tecnologie per migliorare la produttività. La mancanza di capitale circolante per finanziare questi cambiamenti e la carenza di talenti qualificati sono le sfide maggiori, entrambe condivise in molte aree geografiche in tutto il mondo. L’Italia punta a sfruttare l’intelligenza artificiale gettandosi a capofitto nella corsa globale, mentre dimostra una cauta tendenza alle nuove assunzioni, nonostante permangano fattori di incertezza.

EY Growth Barometer: metodologia

EY ha commissionato a Euromoney Institutional Investor Thought Leadership un’indagine online coinvolgendo 2.766 dirigenti ai massimi livelli aziendali (60% CEO, imprenditori o direttori generali) in imprese con ricavi annuali da 1 milione a 3 miliardi di dollari, situate in 21 Paesi. L’indagine è stata condotta dal 15 gennaio all’1 marzo 2018. EY ha inoltre invitato la sua rete globale di vincitori del Premio EY L’Imprenditore dell’Anno a effettuare l’indagine, disponibile in inglese e in altre sei lingue. Altre interviste approfondite sono state condotte tra marzo e aprile del 2018.

Contatto

EY - Paolo Zocchi

Paolo Zocchi
Mediterranean Growth Markets Leader, EY

Growth strategies

Strategie per la crescita

Things are looking good for the Italian middle market. More than two-thirds (69%) expect high single-digit growth this year, far above the International Monetary Fund’s GDP forecast of 1.5%.1 However, underlining Italy’s slow recovery from its long recession,2 the country is trailing behind EU neighbors in its number of high-growth companies: just one in five (20%) executives in the Eurozone’s third-biggest economy predict growth rates above 10%, compared with 24% in the UK and 31% in Germany.

Revenue growth projections

This chart shows growth expectations for 2017 and 2018, ranging from negative growth to growth above 50%, including year-on-year percentage point changes.

EY - Revenue growth projections

Companies are looking to expand organically, with nearly half (47%) basing their growth plans on geographical expansion, 24% in new overseas markets and 23% across Italy. Florence-based luxury fashion house Stefano Ricci is one Italian company eyeing offshore expansion. "We see great potential to expand into Southeast Asia," CEO Niccolò Ricci says. "Vietnam, Philippines, Thailand and Cambodia are countries where I can see big opportunities. We have, for instance, just opened a boutique in Phnom Penh. We are already in Singapore and Macau, where we will open a third boutique later this year.”

Industry convergence

Adjacent sector/activity growth is the third-most cited strategic growth route for the Italian middle market. This reflects the increasing convergence of different industries – considered the most disruptive megatrend by almost one-quarter of Italian C-suite leaders (23%).

More than one in five companies (23%, compared with just 14% in the rest of the world) plan to raise funds by selling part of their business. This aligns with a flurry of recent M&A activity involving Italian companies, with US$61.4 billion worth of deals announced in 2017, accounting for 6.9% of Europe, Middle East and Africa deal volume and an increase of 46% on the previous year, according to the latest Bloomberg Global M&A Market Review report.3 Italy’s interest in M&As is also apparent in the fact that market consolidation is one of the top three innovation drivers – along with profitability and regulation. It is cited by 25% of respondents (up 12 percentage points on 2017) compared with just 12% of business leaders elsewhere.

Le cose stanno andando bene per le medie imprese italiane. Più di due terzi (69%) prevedono un’elevata crescita ad una cifra, ben al di sopra del rialzo dell’1,5% del PIL previsto dal Fondo Monetario Internazionale.1 Tuttavia, a sottolineare la lenta ripresa dell'Italia dalla sua lunga recessione2, il Paese appare in ritardo rispetto ai vicini dell'UE per numero di aziende in forte crescita: solo un intervistato su cinque (20%) della terza economia dell'Eurozona prevede tassi di crescita superiori al 10%, rispetto al 24% del Regno Unito e al 31% della Germania.

Proiezioni sull’aumento dei ricavi

Il grafico mostra le aspettative di crescita per il 2017 e il 2018, oscillando da una crescita negativa a una crescita superiore al 50%, includendo la variazione percentuale su base annua.

EY - Proiezioni sull’aumento dei ricavi

Le aziende stanno cercando di espandersi organicamente: quasi la metà (47%) basa i propri piani di crescita sull'espansione geografica, il 24% in nuovi mercati esteri e il 23% in tutta Italia. La casa di moda fiorentina Stefano Ricci è un’azienda italiana che guarda all’espansione offshore. “Vediamo un grande potenziale di crescita nel Sud-Est Asiatico”, ha dichiarato Niccolò Ricci, Amministratore Delegato. “Vietnam, Filippine, Tailandia e Cambogia sono i Paesi in cui vedo grandi opportunità. Ad esempio, abbiamo appena aperto una boutique in Phnom Penh. Siamo già presenti a Singapore e Macau, dove apriremo una terza boutique entro quest’anno”.

Convergenza dei settori

L’espansione in settori/attività adiacenti è la terza modalità di crescita strategica per le medie imprese italiane. Questo riflette la crescente convergenza di settori diversi, considerata il megatrend più dirompente da quasi un quarto dei top manager italiani (23%).

Più di un’azienda su cinque (23%, rispetto a solo il 14% nel resto del mondo) prevede di raccogliere fondi vendendo parte delle proprie attività. Questo dato è coerente con la recente ondata di operazioni di M&A che ha coinvolto le aziende italiane, con un valore annunciato di 61,4 miliardi di dollari nel 2017, pari al 6,9% del volume di operazioni in Europa, Medio Oriente e Africa e in aumento del 46% rispetto all'anno precedente, secondo l’ultimo report Bloomberg Global M&A Market Review3. L'interesse dell'Italia per fusioni e acquisizioni si manifesta anche nel fatto che il consolidamento del mercato è uno dei tre principali motori dell'innovazione, insieme a redditività e regolamentazione. È citato dal 25% degli intervistati italiani (+12% rispetto al 2017) contro il solo 12% negli altri paesi.

Embracing business change

Sostenere il cambiamento aziendale

The middle market has a love-hate relationship with technology, as it radically transforms business at home and abroad.

Technology disruption is considered a bigger problem by Italian executives than their peers in the rest of the world: more than one in four (28%) cite it as the greatest challenge to growth, compared with 17% elsewhere. On the other hand, technology is seen as a great enabler: over one-quarter (28%) – seven percentage points up on 2017 – see it as the prime way to improve productivity, above supply chain efficiencies and economies of scale. And a significant proportion of the Italian middle market have an innovative vision for technology. For more than one in four companies (26%, compared with 18% in the rest of the world), the main objective for major tech investment is the creation of new business models, therefore opening themselves up to potential transformation and business reinvention. One in five are also looking to use tech for the advanced purpose of improving the customer experience.

AI takes center stage

Italian companies are also rushing to embrace cognitive technologies, with 97% currently using artificial intelligence (AI) or planning to do within five years. This dramatic turnaround from last year – when 74% said they would never adopt robotic process automation – illustrates the tremendous speed of change rampant in all sectors.

Il middle-market ha un rapporto di odio-amore con la tecnologia, perché trasforma radicalmente il business in Italia e all’estero.

La disruption tecnologica è considerata un problema più grande dai top manager italiani che dai loro colleghi nel resto del mondo: più di un intervistato su quattro (28%, contro il 17% degli altri paesi) la considera la maggiore sfida per la crescita. D'altra parte, la tecnologia è vista come un grande fattore abilitante: oltre un quarto (28%) - sette punti percentuali in più rispetto al 2017 - la considera il modo migliore per accrescere la produttività, più dell'efficienza della supply chain e delle economie di scala. Inoltre, una parte significativa delle medie imprese italiane ha una visione innovativa della tecnologia. Per più di un'impresa su quattro (26% contro 18% nel resto del mondo), l'obiettivo principale dei grandi investimenti in tecnologia è la creazione di nuovi modelli di business, aprendosi così a potenziali trasformazioni e ridefinizioni del proprio business. Una su cinque sta anche cercando di utilizzare la tecnologia con l’obiettivo avanzato di migliorare l'esperienza del cliente.

Intelligenza Artificiale al centro dell’attenzione

Anche le aziende italiane si stanno affrettando ad adottare tecnologie cognitive: il 97% utilizza già l'Intelligenza Artificiale (AI) o prevede di farlo entro cinque anni. Questa svolta radicale rispetto allo scorso anno - quando il 74% degli intervistati aveva dichiarato che non avrebbe mai adottato l'automazione robotica dei processi - testimonia l'enorme velocità di cambiamento che sta investendo tutti i settori.

"Europe has moved beyond Brexit. Brexit is now just a localized UK problem."

Paolo Zocchi

Mediterranean Growth Markets Leader, EY

“L’Europa è andata oltre la Brexit.”
“La Brexit è ora solo un problema circoscritto al Regno Unito.”

Paolo Zocchi

Mediterranean Growth Markets Leader, EY

Challenges to growth

Le sfide per la crescita

Reflecting their robust expansion plans, the greatest external risk to growth for Italian companies is slow/flat global growth (34%, up 27 percentage points on 2017). And as Brexit becomes less of a concern, so too do related fears – increasing competition and regulation/trade barriers are cited by significantly fewer respondents this year. "Europe has moved beyond Brexit," said Mediterranean Growth Markets Leader, EY, Paolo Zocchi. "Brexit is now just a localized UK problem."

Hiring plans

This chart illustrates companies’ hiring priorities and the use of artificial intelligence (AI) in 2017 and 2018, including year-on-year percentage point changes.

EY - Hiring plans

Despite their own international expansion ambitions, the Italian middle market has protectionist leanings. Almost one in four (24%) think the best thing the Government could do to boost growth would be to establish higher trade barriers to remove overseas competitors.

The squeeze on cash

When it comes to internal growth challenges, in common with the rest of the world, insufficient cash flow is a major factor – cited by 26% of Italian C-suite leaders and 34% elsewhere. This may reflect the changing nature of sales patterns worldwide, as industry convergence, unpredictable online buying patterns and the need to invest quickly to satisfy changing consumer demands increase demand for ready money. It is also likely to acknowledge the constant investment now required just to keep up with the evolving environment.

In linea con i loro solidi piani di espansione, il maggior rischio esterno per la crescita delle imprese italiane è rappresentato dalla lenta/piatta crescita globale (34%, con un incremento di 27 punti percentuali rispetto al 2017). E dato che la Brexit è diventata meno preoccupante, anche i timori correlati - l'aumento della concorrenza e le barriere normative/commerciali - sono citati quest’anno da un numero significativamente inferiore di intervistati. “L’Europa è andata oltre la Brexit”, ha dichiarato Paolo Zocchi, Mediterranean Growth Markets Leader, EY “la Brexit è ora solo un problema circoscritto al Regno Unito”.

Piani di assunzione

Il grafico mostra le priorità legate alle politiche di assunzione delle aziende e l’utilizzo dell’intelligenza artificiale (AI) relativamente al 2017 e al 2018, includendo la variazione percentuale su base annua.

EY - Piani di assunzione

Nonostante le proprie ambizioni di espansione internazionale, le medie imprese italiane manifestano una tendenza protezionista. Quasi un intervistato su quattro (24%) ritiene che la cosa migliore che il governo possa fare per stimolare la crescita sia aumentare le barriere commerciali per eliminare i concorrenti esteri.

La contrazione della liquidità

In tema di crescita interna, come nel resto del mondo, l’insufficienza di liquidità è considerata un fattore importante - citato dal 26% dei top manager italiani e dal 34% di quelli degli altri paesi. Questo potrebbe riflettere la natura mutevole dei modelli di vendita in tutto il mondo, poiché la convergenza dei settori, gli imprevedibili modelli di acquisto online e la necessità di investire rapidamente per soddisfare le mutevoli richieste dei consumatori aumentano la domanda di denaro disponibile. Occorre anche considerare gli investimenti costanti oggi necessari solo per stare al passo con la rapida evoluzione del mercato.

Building stronger teams

Creare team più solidi

Despite their rising growth ambitions, only 28% of Italy's middle market plan to hire more full-time staff this year, compared with 40% in the rest of the world. This caution may be linked to the political and economic uncertainty surrounding the extended delay in forming a new coalition government after the March 2018 general election.4 "Political concerns are reducing the capability of companies to invest in full-time hires," EY's Zocchi comments. As well as being reluctant to hire full-time staff, companies in Italy are less likely to take on other employees: 43% intend to keep current staffing levels – compared with 33% elsewhere – with contractor/freelance hiring down six percentage points and part-time recruitment falling by 10 percentage points.

Externals risks to growth

This chart illustrates company leaders’ ranking of the key macro risks to growth.

EY - Externals risks to growth

Diversity overrides skills

When they do take on more staff, business leaders’ strategic talent priority is more diversity (cited by 31%, compared with 42% in the rest of world), followed by more team players. Just 7% opt for more people with specialist skills.

The preference for diversity somewhat contradicts the emphasis placed on capability: talent with the right skills is considered the top accelerator to growth by more than one-third (34%) of business leaders. And lack of skilled talent is the third-greatest challenge to growth – considered more of a worry than increasing production costs or cyber threats. Furthermore, according to the Organisation for Economic Co-operation and Development, many Italian companies are already battling with inadequately skilled staff. Its latest Italy report says: "Many workers are under-skilled in the jobs they hold, highlighting mismatches between workers’ skills and those required by employers."

In response to such skill shortages, innovative Italian companies, like Stefano Ricci, are creating their own solutions. Niccolò Ricci says: “The problem I had with the tailor shop was… a complete lack of tailors in Florence. So, from having three or four we now have 35 because we created an internal tailor school. Sometimes if you cannot find the specific skills or talent in the areas you need, you have to create it, and that’s precisely what we did.”


Nonostante le maggiori ambizioni di crescita, solo il 28% delle medie imprese italiane prevede di assumere quest'anno più personale a tempo pieno, contro il 40% del resto del mondo. Questa cautela può dipendere dall'incertezza politica ed economica legata al lungo ritardo nella formazione di un nuovo governo di coalizione dopo le elezioni politiche del marzo 20184. "Le preoccupazioni politiche hanno un impatto sulla capacità delle aziende di investire in assunzioni a tempo pieno", ha commentato Zocchi di EY. Oltre ad essere restie ad assumere personale a tempo pieno, le imprese italiane hanno meno probabilità di assumere altri dipendenti: il 43% intende mantenere l'attuale livello di personale - rispetto al 33% di altri paesi - con un calo di sei punti percentuali per le assunzioni a contratto o progetto e di dieci punti percentuali per le assunzioni part-time.

Rischi esterni per la crescita

Questo grafico illustra la classificazione, secondo i il parere degli imprenditori, dei principali macro rischi che possono influire sulla crescita delle aziende del middle market.

EY - Rischi esterni per la crescita

La diversità prevale sulle competenze

Quando assumono personale, la priorità strategica per gli imprenditori è aumentare la diversità (citata dal 31%, rispetto al 42% nel resto del mondo), seguita dall’avere team più numerosi. Solo il 7% sceglie di avere più persone con competenze specialistiche.

La preferenza per la diversità contraddice in qualche modo l'enfasi posta sulle competenze: il talento con le giuste skills è considerato il principale fattore di accelerazione della crescita da oltre un terzo (34%) dei top manager. Inoltre, la mancanza di talenti qualificati è ritenuta la terza maggiore sfida per la crescita, più preoccupante dell'aumento dei costi di produzione o delle minacce informatiche. Secondo l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico5, molte imprese italiane stanno già affrontando il problema del personale non adeguatamente qualificato. L'ultimo rapporto sull'Italia afferma: "Molti lavoratori sono sottoqualificati per i posti di lavoro che ricoprono, situazione che evidenzia uno squilibrio tra le competenze dei lavoratori e quelle richieste dai datori di lavoro".

Per rispondere a questa carenza di competenze, le aziende italiane più innovative, come Stefano Ricci, stanno attuando soluzioni proprie. Niccolò Ricci afferma: "Il problema che ho avuto con la sartoria è stato ... una totale mancanza di sarti a Firenze. Abbiamo allora creato una scuola di sartoria interna così oggi siamo passati da tre o quattro sarti a 35. A volte, se non riesci a trovare le competenze specifiche o il talento nelle aree in cui ne hai bisogno, devi crearlo, ed è esattamente quello che abbiamo fatto".