8 Tempo di lettura 12 dic 2019
Vista dall'alto del faro sulla collina sul mare Danimarca

In che modo il board può guidare la trasformazione sul cambiamento climatico

8 Tempo di lettura 12 dic 2019

Il cambiamento climatico è una questione fondamentale del nostro tempo. Se le organizzazioni devono fare la differenza, i consigli di amministrazione devono farsi avanti.

Le imprese comprendono già l'impatto del cambiamento climatico: le inondazioni danneggiano i beni, gli incendi boschivi distruggono le materie prime e la siccità fa incagliare le navi da carico. Anche le organizzazioni che non sono direttamente interessate sanno che rischiano di perdere clienti, dipendenti e investitori se non intervengono.

La nostra analisi 2019 EY CEO Imperative Study ha dimostrato che è giunto il momento di agire. Lo studio ha rilevato che i consigli di amministrazione, i CEO e gli investitori sono tutti d'accordo sulle cinque principali sfide globali, tra cui il cambiamento climatico, e sono convinti che le aziende debbano assumere un ruolo guida nell'affrontarle.

Quanto dovrebbero essere impegnate le più grandi aziende del mondo nell'affrontare le sfide dell'infografia

È interessante notare che gli investitori classificano il cambiamento climatico come il problema numero uno (44%), insieme alla sicurezza informatica. E il 60% degli investitori è stato disposto a sacrificare la performance finanziaria a breve termine a favore di investimenti a lungo termine che potessero migliorare le prospettive di business future.

Al contrario, i consigli di amministrazione valutano la minaccia del cambiamento climatico meno di investitori e CEO, mentre i team di gestione cercano il loro supporto. Se questo supporto non arriva, potrebbero esserci delle complicazioni: un sondaggio ha rilevato che 9 su 10 millenni lascerebbero aziende associate a una causa su questo tema, mentre 6 su 10 sarebbero disposti a subire un taglio di stipendio pur di lavorare per un'azienda responsabile. Inoltre, l'81% dei consumatori ritiene che le organizzazioni debbano contribuire a migliorare l'ambiente.

Lavoro coscienzioso

60%

Dei millennials avrebbe preso un taglio di stipendio per lavorare in un'azienda responsabile.

La corporate responsibility

Le pressioni sui governi affinché intraprendano azioni significative sono aumentate in linea con le emissioni globali di carbonio. Eppure, nonostante tutti i membri dell'ONU abbiano firmato l'Accordo di Parigi del 2016, le emissioni globali continuano ad aumentare. Nel settembre 2019 i cittadini di tutto il mondo hanno di scendere in strada in vista del vertice dell'ONU sull'azione globale per il clima. La loro richiesta, secondo le parole della giovane attivista svedese Greta Thunberg: "Una vera azione per il clima".

Allo stesso modo, le aziende non sono immuni.

Le persone chiedono di più alle aziende per cui lavorano, da cui acquistano e in cui investono. Anche le banche globali hanno stanziato 1,9 trilioni di dollari di finanziamenti all'industria dei combustibili fossili  allineando i loro portafogli di investimenti e prestiti agli obiettivi di emissione concordati a Parigi.

Stiamo anche assistendo all'ascesa delle BCorporations. Altre organizzazioni hanno fissato tasse interne sul carbonio per ridurre il rischio. E diversi big dell’industria hanno completamente ridisegnato i propri modelli di business per sostenere un sano sistema ecologico, sociale ed economico.

Cambiamento di trasformazione

45%

La percentuale di emissioni riduce la percentuale di emissioni che l'IPCC raccomanda di emanare entro il 2030.

Il business ha bisogno di fare passi da gigante

Ridurre le emissioni del 45% rispetto ai livelli del 2010 entro il 2030, come raccomanda l'IPCC, richiede che la comunità imprenditoriale si faccia avanti come agente di cambiamento sistemico. Ciò significa che le organizzazioni devono integrare l'azione per il clima in tutto ciò che riguarda la strategia e la cultura, la catena di fornitura e gli incentivi finanziari. Devono anche adottare obiettivi di riduzione dei gas serra che siano in linea con la scienza.

"Se si guarda al cambiamento climatico in profondità, ci si accorge subito che nessun mix di forze tecnologiche ci salverà", dice Adam Carrel, Partner, Climate Change and Sustainability, Ernst & Young. "I big data e il digitale saranno certamente d'aiuto, ma non in assenza di grandi idee e di compromessi ancora più grandi".

Se si guarda al cambiamento climatico in profondità, ci si accorge subito che nessun mix di forze tecnologiche ci salverà. I big data e il digitale saranno certamente d'aiuto, ma non in assenza di grandi idee e di compromessi ancora più grandi.
Adam Carrel,
Partner, Cambiamento climatico e sostenibilità, Ernst & Young

Tuttavia, la mancanza di priorità da parte dei consigli di amministrazione potrebbe non solo mettere da parte gli sforzi per affrontare l'emergenza climatica, ma anche ostacolare gli sforzi delle loro organizzazioni per crescere in un'economia globale sempre più misurata dall'azione per il clima. Qualunque sia la ragione del ritardo, i consigli di amministrazione devono recuperare il ritardo.

I board sono nella posizione per guidare un vero cambiamento

Siamo incoraggiati dal fatto che l’indagine di EY mostra che i consigli di amministrazione, insieme ai CEO e agli investitori, si aspettano che le partnership pubblico-privato che affrontano le sfide globali diventino più comuni. Ma l'emergenza climatica trascende il divario pubblico-privato. Affrontarla significa che le organizzazioni debbano collaborare con tutti, dalle ONG ai competitor, per trovare modi innovativi di affrontare questa emergenza. Gli investitori sono già pienamente d'accordo con loro. I consigli di amministrazione devono ora prendere l'iniziativa.

 

Perché la maggior parte delle organizzazioni ha adottato, nella migliore delle ipotesi, solo misure incrementali? Anche se la mancanza di una legislazione a livello nazionale è una delle ragioni, c'è un problema di priorità: i consigli di amministrazione considerano la minaccia del cambiamento climatico più bassa rispetto ai CEO, che a loro volta la considerano più bassa rispetto agli investitori.

Detto questo, ci sono sicuramente delle eccezioni. Più di 500 investitori che rappresentano oltre 35 milioni di dollari di attività si sono impegnati (pdf) a sostenere l'accordo di Parigi e ad agire sul cambiamento climatico. Un gruppo di 204 grandi aziende si sono impegnate ad utilizzare energia rinnovabile al 100% entro il 2050. E alcune imprese, nazioni e città stanno fissando obiettivi sulle emissione basati su dati scientifici. 

Il cambiamento climatico è uno dei cinque principali cambiamenti globali che hanno minacciato il grafico della crescita aziendale

Con il cambiamento climatico, come con tutte le questioni che gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell'ONU cercano di affrontare, le organizzazioni devono prima capire come potrebbero essere colpite. Successivamente, come possono contribuire al raggiungimento degli obiettivi. Infine, hanno bisogno di costruire e inserire azioni concrete nella loro strategia.

 

I consigli di amministrazione dovrebbero presentare la governance legata ai rischi climatici di un'organizzazione, come raccomandato dalla Task Force sulle informazioni finanziarie relative al clima. Allo stesso modo, dovrebbero definire i ruoli del management nella valutazione e nella gestione di questi rischi.

Per fare ciò, i consigli di amministrazione dovranno acquisire sufficiente esperienza in materia, avere accesso a informazioni adeguate sull'impatto finanziario dei rischi del cambiamento climatico e dedicare un punto nell'ordine del giorno per parlare dei rischi e delle opportunità legate al clima. Alla fine della giornata, stabilire alcuni KPI per guidare il comportamento è necessario.

I board dovrebbero concentrarsi su azioni che cambiano il comportamento ...

La trasformazione non è mai facile. Ma quali sono i fattori che i CEO considerano come il più grande vincolo? Gli atteggiamenti, le competenze, la composizione del loro consiglio di amministrazione. Per sostenere le loro organizzazioni nel diventare promotori di innovazione sostenibile, i consigli di amministrazione hanno bisogno del coraggio di cambiare.

... ma devono farsi avanti

Il cambiamento di trasformazione non è mai facile. Ma quali sono i fattori sistemici che i CEO considerano come il più grande vincolo che li spinge a diventare sempre più vocali e coinvolti nell'aiutare a risolvere le sfide globali? Gli atteggiamenti, le competenze, la composizione e la leadership del loro consiglio di amministrazione. Per sostenere le loro organizzazioni nel diventare focolai di innovazione sostenibile, i consigli di amministrazione hanno bisogno del coraggio di cambiare - e di mostrare vulnerabilità ammettendo di non avere tutte le risposte.

I consigli di amministrazione e gli investitori vogliono passi che guidino il grafico di trasformazione interna

Le commissioni per le domande possono porre a se stessi e ai loro team di gestione

  1. Abbiamo valutato in che modo l'accelerazione delle perturbazioni climatiche avrà un impatto sui nostri mercati chiave e sui nostri stakeholder?
  2. Comprendiamo il nostro contributo all'impronta di carbonio globale e abbiamo fissato obiettivi scientifici che riflettono i confini planetari accettati a livello globale? In caso contrario, come possiamo raccogliere i dati necessari per fissare tali obiettivi?
  3. Come possiamo aiutare il management a identificare KPI efficaci e non finanziari che misurino i nostri progressi nella definizione (e nell'azione) di obiettivi climatici che riflettano le raccomandazioni delineate dalla Task Force sulle informazioni finanziarie relative al clima?
  4. Quali meccanismi di coinvolgimento degli stakeholder abbiamo attualmente per catturare ciò che gli investitori, i clienti, gli attivisti, i governi e i nostri dipendenti dicono? Come possiamo sostenere il team di gestione per soddisfare queste aspettative? 
  5. Come possiamo misurare i molteplici livelli di valore creati dalla leadership sul clima - attrarre/tenere i talenti, i clienti, la riduzione del rischio politico, la resilienza operativa, l'innovazione, la riduzione dei costi energetici, ecc. Come possiamo allineare il nostro management e gli investitori a un programma di investimento sostenibile nella sfida del clima?
  6. Come possiamo allineare il nostro management e gli investitori a un programma di investimento sostenibile nella sfida del clima?
  7. Come possiamo spronare la nostra azienda ad acquisire le capacità per una risposta efficace al clima?
  8. I consigli di amministrazione di tutto il mondo concordano sul fatto che la soluzione delle sfide globali richiederà un cambiamento sistemico. Quali opportunità esistono per noi di mostrare leadership e creare partnership innovative con i nostri colleghi e i governi?
  9. Abbiamo considerato il quadro generale — come potremmo cambiare la nostra strategia per essere sicuri di essere ancora in giro tra 20, 30 o 100 anni? Stiamo investendo o esplorando come trasformare il nostro modello di business per creare prodotti o servizi che sfruttino la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio?

 

  • Chi ha partecipato allo Studio sull'Imperativo CEO dell'AE?

    Per comprendere le prospettive sul ruolo dell'azienda nell'affrontare le sfide globali tra queste tre componenti chiave, EYQ ha condotto un'indagine globale:

    • 200 CEO globali, 100 amministratori indipendenti di Forbes Global 2000 e Forbes Largest Private Companies across the Americas (35%), EMEA (28%) e Asia-Pacifico (37%)
    • 100 investitori istituzionali senior con almeno 100 miliardi di dollari di patrimonio gestito

Summary

Il fatto che i consigli di amministrazione non considerino il cambiamento climatico una minaccia potrebbe in qualche modo rallentare gli sforzi delle aziende che rappresentano nel tentativo di crescere in un'economia globale. Qualunque sia la ragione, è necessario recuperare questo ritardo.

A proposito di questo articolo